Eco/Sisma Bonus 110

By: fadelfa0 commenti

INTRODUZIONE

Il Dl 34/2020, c.d. Decreto Rilancio, ha introdotto il nuovo Superbonus del 110% principalmente per gli interventi di efficientamento energetico (ecobonus) e miglioramento sismico (sismabonus).

In particolare, l’art. 119, “Incentivi per l’efficientamento energetico, sismabonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici” del decreto ha definito le regole per fruire del bonus edilIzio potenziato al 110%.

  • Efficientamento energetico
  • Interventi antisismici
  • Altri interventi

 

NORME DI RIFERIMENTO

– Dpr 380/2001 – testo unico edilizia – art. 3
– Legge 296/2006 – legge finanziaria per il 2007 – commi da 344 a 347
– Dlgs 192/2005 – criteri generali su questioni energetiche
– Dl 63/2013 convertito legge 90/2013 – prestazione energetica nell’edilizia
– Dm 26 giugno 2015 – dm linee guida APE / dm requisiti minimi / dm relazione tecnica

– Dm 58/2017 – linee guida sismabonus
– Dlgs 222/2016 / dm 2 marzo 2017 – opere realizzabili in edilizia libera
– Dpr 917/86 – Testo unico imposte sui redditi, art. 16 bis
– Dl 34/2020 e Legge 77/2020 di conversione (decreto rilancio)
– Decreti attutivi MISE (decreto requisiti ecobonus e decreto asseverazioni)
– Provvedimenti Entrate (circolare 24/E 2020 e provvedimento dell’8 agosto 2020)

 

IN COSA CONSISTE?

Il cosiddetto Superbonus del 110% consiste in un’agevolazione fiscale che consente di detrarre dall’Irpef il 110% delle spese sostenute per alcuni interventi edilizi su alcune tipologie di immobili.

Il recupero delle somme avviene nei 5 anni successivi alla spesa, sotto forma di sconto Irpef. Le spese devono essere sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

  • Detrazione: 110%
  • Spese: dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021
  • Credito: 5 quote annuali
  • Plus: cedibilità del credito / sconto in fattura
I BENEFICIARI

Il Superbonus spetta a:

  1. condomìni
  2. persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni
  3. Istituti autonomi case popolari per interventi realizzati su immobili di loro proprietà o gestiti perconto dei comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica
  4. cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili dalle stesse

posseduti e assegnati in godimento ai propri soci

  1. terzo settore: associazioni no profit / Onlus
  2. associazioni e società sportive dilettantistiche
REQUISITI INTERVENTI ENERGETICI

E’ necessario soddisfare i seguenti requisiti (comma 3):

  •  miglioramento di almeno 2 classi energetiche dell’edificio (oppure il conseguimento della classeenergetica più alta possibile), da dimostrare mediante APE ante e post intervento, con dichiarazione asseverata da tecnico abilitato;
  • rispetto dei requisiti minimi previsti dal dl 63/2013 convertito in legge 90/2013, con con dichiarazione asseverata da tecnico abilitato.
IMMOBILI VINCOLATI

Qualora l’edificio sia sottoposto ad almeno uno dei vincoli di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 o gli interventi di cui al comma 1 siano impediti da regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali, la detrazione si applica a tutti gli interventi previsti dall’ecobonus (DL 63/2013), anche se non eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi di cui al comma 1, fermi restando i requisiti di cui al comma 3.

DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Sono agevolati anche gli interventi di demolizione e ricostruzione:

“Nel rispetto dei summenzionati requisiti minimi, sono ammessi all’agevolazione del 110%, nei limiti stabiliti per gli interventi di cui ai commi 1 e 2, anche gli interventi di demolizione e ricostruzione di cui all’articolo 3, comma 1, lettera d), del dpr 380/2001”.

IMPIANTO TERMICO

Nuovo definizione di impianto termico – Dlgs 48/2020

“Iimpianto tecnologico fisso destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, o destinato alla sola produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione, accumulo e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e controllo, eventualmente combinato con impianti di ventilazione.

Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate”.

IMPIANTO TERMICO

Nuovo definizione di impianto termico – Dlgs 48/2020

“Iimpianto tecnologico fisso destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, o destinato alla sola produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione, accumulo e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e controllo, eventualmente combinato con impianti di ventilazione.

Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate”.

INTERVENTI PRINCIPALI C4 | SISMABONUS

Il Superbonus al 110% include, tra gli interventi principali, detrazioni fiscali per misure antisismiche(SISMABONUS), per le spese sostenute dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021, su tutti i tipi di abitazione (anche su seconde case) e sugli immobili produttivi

Le agevolazioni per sismabonus si applicano a tutti gli edifici ricadenti nelle seguenti zone sismiche (ai sensi dell’OPCM 3519/2006):

  • zona 1
  • zona 2
  • zona 3NON si applicano solo agli edifici ubicati in zona sismica 4.
INTERVENTI SECONDARI C5 | IMPIANTO FV

Gli impianti fotovoltaici rientrano tra gli interventi secondari: se insieme agli interventi c1 e c4 si installa un impianto fotovoltaico, anche questo è incentivato al 110%.

Limiti di spesa

  • fino ad un ammontare complessivo delle stesse spese non superiore a euro 48.000 e comunque nel limite di spesa di euro 2.400 per ogni kW di potenza nominale dell’impianto solare fotovoltaico.
  • In caso di interventi di:
    • ristrutturazione edilizia
    • nuova costruzione
    • ristrutturazione urbanisticail limite di spesa è ridotto ad euro 1.600 per ogni kW di potenza.Prevista la possibilità di realizzare sistema di accumulo negli stessi limiti di importo e nel limite di spesa di 1.000 € per ogni kWh di capacità di accumulo
CESSIONE DEL CREDITO

Per sostenere le spese, il contribuente ha 3 scelte: .

  1. se ha capienza Irpef, può sostenere le spese e recuperarle in 5 anni, con un profitto del 10% rispetto a quanto anticipato. In particolare, potranno detrarre dai redditi ogni anno una percentuale del 22% della spesa sostenuta
  2. può cederle all’impresa esecutrice, ottenendo un contributo consistente in uno sconto in fattura fino al 100% dell’importo (sarà poi l’impresa a utilizzare tale credito di imposta e potrà ulteriormente cederlo)
  3. può cedere il credito a banche / istituti di credito, che lo sconterà al contribuente stesso.
VISTO DI CONFORMITÀ

Ai fini dell’opzione per la cessione o per lo sconto il contribuente richiede:

– il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la

sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta per gli interventi di cui al presente articolo.

Il visto di conformità:è rilasciato:

  • dagli iscritti negli albi dei commercialisti, dei ragionieri, dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro,
  • dai soggetti iscritti alla data del 30 settembre 1993 nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura per la sub-categoria tributi, in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di ragioneria,
  • dai responsabili dell’assistenza fiscale.

ADEMPIMENTI PER IL TECNICO

Ai fini dell’opzione per la cessione o per lo sconto, i tecnici abilitati asseverano (comma 13)

a) per gli interventi c1 e c2:

  • il rispetto dei requisiti previsti dai decreti,
  • la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

b) per gli interventi di c4:

  • l’efficacia degli stessi finalizzati alla riduzione del rischio sismico,
  • la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agliinterventi agevolati.

ADEMPIMENTI PER IL TECNICO

Ai fini dell’opzione per la cessione o per lo sconto, i tecnici abilitati asseverano (comma 13)

a) per gli interventi c1 e c2:

  • il rispetto dei requisiti previsti dai decreti,
  • la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

b) per gli interventi di c4:

  • l’efficacia degli stessi finalizzati alla riduzione del rischio sismico,
  • la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agliinterventi agevolati.

Articoli Correlati

Leave A Comment

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi+ INFORMAZIONI